Leggi la Recensione del film The Invitation

blu-ray The Invitation Recensione

Una riunione tra vecchi amici è all'apparenza il banale incipit pensato da Matt Manfredi e Phil Hay per The Invitation, thriller da camera ambiguo e disturbante, che parte in sordina per poi deflagrare quando il bilanciamento tra verità e immaginazione sembra giunto ad un punto morto. Paranoia. Dolore. Abnegazione. A partire da questi tre spunti di riflessione Karyn Kusama dirige un gruppo eterogeneo di attori incredibilente in parte (su tutti il sospettoso Logan Marshall-Green), personaggi ordinari che rinnegano la trasformazione che la vita ha riservato loro. Un tale rifiuto non può non portare a delle conseguenze drammatiche; infatti che avvenga prima o dopo un fattore scatenante è prevedibile. Non lo è l'impeccabile gestione della tensione, l'uso di primi piani strettissimi – come a voler creare una connessione con il protagonista – e soluzioni di montaggio che sedimentano il dubbio, anche dopo l'effetto sorpresa. The Invitation utilizza saggiamente le regole del thriller per confondere e depistare, coerentemente con le premesse, al fine di proiettare lo spettatore in un clima di incertezza, in cui nessuno – incluso il protagonista – sembra propenso a rivelare la propria natura.

La Limited Edition in Blu-ray della linea Midnight Factory di Koch Media presenta il solito packaging: slipcase con all'interno un'amaray (la stessa dei giochi PlayStation 3) e il booklet informativo con testi a cura di Manlio Gomarasca e Davide Pulici per Nocturno Cinema. Complice l'atmosfera da camere, l'uso della pellicola e le luci soffuse, il dettaglio non è costante: il quadro perde di definizione nelle scene con scarsa luminosità e in un paio di flashback il rumore video fa capolino anche ad alti ISO. Nulla di tutto questo compromette la visione, sia chiaro, il calo avviene in una manciata di occasioni ma è giusto segnalarlo, perché nel complesso è proprio l'atmosfera rarefatta a funzionare e a giustificare i comportamenti del protagonista. Di alto livello si conferma l'aspetto sonoro: ogni minimo rumore o sussurro è perfettamente bilanciato e quando il film cambia registro noterete un incremento sostanziale del sub e dell'effettistica laterale. Dai centrali i dialoghi si mantengono chiari e puliti garantendo una visione appagante e sul filo dell'inquietudine. Essenziale la componente extra filmica: nel disco è presente il trailer italiano e un dietro le quinte che sfrutta ogni minuto a disposizione per offrire una panoramica molto interessante sulla genesi del film.

Contenuti speciali
- Dietro le quinte
La regista e gli sceneggiatori/produttori Matt Manfredi e Phil Hay rivelano i loro spunti da cui hanno tratto ispirazione per il film, mentre il cast mette a nudo i personaggi (complessi) che sono stati chiamati ad interpretare. A risaltare, nella riflessione lucida di Karyn Kusama, è la contraddizione di una società che vuole a tutti i costi anestetizzare le emozioni fisiche ed umane ma a volte sono proprio questi sentimenti a farci capire di essere vivi. Un video ben realizzato, sintetico e preciso, ma che tuttavia non si spinge a tal punto da svelare il finale aperto del film. (10' circa)


 

blu-ray The Invitation commenti

 
 
Questo sito utilizza i cookies. I cookies vengono impiegati per migliorare l'esperienza utente e per analisi web. Leggi la dichiarazione sulla privacy. Ho capito
ping fast  my blog, website, or RSS feed for Free